Cosa vedere a Bath in Inghilterra!

 

Roman Baths: cuore e simbolo di Bath. Le celebri terme romane furono costruite ai tempi dell'imperatore Vespasiano, nel 75 d.C., nella città allora chiamata Aquae Sulis, per via delle sue particolarissime caratteristiche geo-fisiche.


Il complesso termale, un tempo noto in tutto l’impero, era completato da un tempio dedicato all'antica dea celtica dell'acqua e alla dea romana Minerva.


Quando intorno al 410 le legioni romane iniziarono a lasciare l’attuale Regno Unito, le terme subirono un graduale abbandono (che arrivò allo sfacelo), mentre la città di Bath  (come tutta l'Inghilterra veniva invasa dai Sassoni).


Roman Baths
Abbey Church Yard
Bath BA1 1LZ
Tel: +44 01225 477785
Fax: +44 01225 477743


Bath Abbey: l’abbazia di Bath, punto di incontro tra cielo e terra. Dedicata ai Santi Pietro e Paolo, la Cattedrale di Salisbury, oggi maestosa chiesa anglicana, sorse come monastero benedettino nel VII secolo. Venne poi ricostruita nel XII e XV in stile gotico (è considerata uno degli esempi più belli di “Perpendicular Style", ossia gotico perpendicolare, caratterizzato da una forte accentuazione in senso verticale degli elementi decorativi).


The Abbey Church of Saint Peter and Saint Paul
12 Kingston Buildings
Bath BA1 1LT
Tel.+44(1225)422462
Fax: +44(1225)429990

 

Royal Crescent e the Number One Royal Crescent: è una delle attrattive più visitate e famose della città (in quanto è il massimo esempio di architettura georgiana britannica). Si tratta di un importante complesso residenziale, composto da 30 unità abitative a schiera disposte a mezzaluna (da qui in nome: crescent, ossia mezzaluna). Fu costruito tra il 1767 e il 1775 su progetto di John Wood il giovane. Tra le abitazioni, molte di proprietà di privati cittadini, spicca il Number One Royal Crescent, un museo dedicato alla vita ed all’arredamento georgiani. 


Royal Crescent
Bath BA1 2LR
Tel: +44 01225 428126
Fax: +44 01225 481850
E-mail: admin@bptrust.org.uk


Victoria Art Gallery: interessante museo d’arte ospitato in un maestoso palazzo risalente alla fine dell’Ottocento. Ospita opere e sculture di grandi artisti dal XV secolo ai giorni nostri. Il nome è un omaggio al sessantesimo anniversario del regno della regina Vittoria.


Victoria Art Gallery
Bridge Street
Bath BA2 4AT
Tel: +44 (0) 1225 477232
Fax: +44 (0) 1225 477231

 

Bath Postal Museum: fondato nel 1979 da Audrey e Harold Swinde, nel seminterrato della loro abitazione (da qui fu trasferito nel 1984, presso l’edificio che ospitò le poste centrali dal 1822 al 1854 e poi in Broad Street). Racconta attraverso documenti, collezioni di francobolli, foto, cartoline ed oggetti vari (tra cui il celebre Post horn, corno postale) la storia del servizio postale inglese.


Bath Postal Museum
27 Northgate Street, (on the corner of Green St.)
Bath, BA1 1AJ
Telephone: 01225 460333
Email: info@bathpostalmuseum.org

 

Museum of Bath at Work: inaugurato nel 1978, si propone di documentare l’evoluzione economica, commerciale e sociale di Bath. Disposto su 4 piani, racconta 2000 anni di storia ed ospita meravigliose ricostruzioni.


Museum of Bath at Work
Julian Road
Bath, BA1 2RH
Telefono / fax (01225) 318348 

 

Fashion Museum: il Museo della moda nasce nel 1963,  in seguito ad una donazione di Doris Langley Moore, una delle donne più importanti del mondo della moda.


Racconta la storia della moda e del costume dal sedicesimo secoli ai giorni nostri. Ospita una collezione di circa 30.000 pezzi originali, composta da abiti maschili e femminili, biancheria, accessori, guanti, cappellini ecc..


Fashion Museum
Assembly Rooms
Bennett Street
Bath BA1 2QH
Tel: +44 (0) 1225 477173
Fax: +44 (0) 1225 477743
Email: fashion_bookings@bathnes.gov.uk

 

  •  
  •  

Condividi

 

guide di Viaggio

Le tue Guide di Viaggio

 

 

Inghilterra.at è una realizzazione
Net Reserve srl
Via A. Lamarmora, 22
50121 Firenze
Tel: 055.573331
P.Iva/C.F 02291930481

 

 



CURIOSITA'Cultura, consuetudini, simboli

CUCINA INGLESE Anche per i palati più esigenti

HOTEL IN INGHILTERRA Dove dormire

FESTIVITA' INGLESITradizioni in Inghilterra